Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

NCAA, iniziano i playoff di conference per i #madeinStella Scott Ulaneo, Mattia Da Campo e Amar Alibegovic

Pubblicato il Mercoledì 8 Marzo 2017 - Alma Mater

 Sono due nottate importanti quelle che stanno per arrivare Oltreoceano per tre dei quattro prodotti #madeinStella presenti nel college basketball americano.

 

I freshmen Scott Ulaneo e Mattia Da Campo esordiranno per la prima volta in carriera nei playoff di una conference NCAA, partecipando con la loro Seattle University al Western Athletic Conference Championship, il torneo della post-season che assegnerà alla vincitrice un posto all'agognato Torneo NCAA vero e proprio, la famosa March Madness cara agli appassionati cestistici statunitensi. In programma da giovedì 9 a sabato 11 alla Orleans Arena di Las Vegas, Nevada, l'ala grande classe '98 e la guardia tiratrice classe '97 debutteranno nel torneo alle ore 23 italiane di giovedì con la sfida ad eliminazione diretta dei quarti di finale contro Utah Valley, curiosamente la stessa avversaria incontrata sabato scorso nell'ultimissima partita della regular season (nella foto in alto di Sarah Finney, Ulaneo in penetrazione durante il match), nella quale gli avversari si sono imposti in casa per 61-54 (4 punti+2 rimbalzi in 14 minuti per Scott, 0 punti in 4' per Mattia, nella foto a fianco di repertorio). La partita di giovedì notte rappresenta lo scontro tra la testa di serie numero 4 del tabellone, Utah Valley (record stagionale di 6 vinte e 8 perse nella WAC, 14-15 in totale), e quella numero 5, appunto SeattleU (5-9, 13-16), che nell'andata del 4 febbraio scorso alla KeyArena di Seattle vinse per 63-50 (Scott 6+5 rimbalzi+2 assist in 18', Mattia non entrato). Chi vincerà prenderà in semifinale la vincitrice della regular season della WAC, California State University, Bakersfield, numero uno del tabellone. La gara contro Utah Valley potrà essere vista in diretta streaming a questo LINK.

QUI le statistiche individuali prodotte nella stagione regolare da Scott e Mattia.

 

Ci sarà invece stanotte la terza partecipazione dello junior Amar Alibegovic al Big East Championship dell'8-11 marzo coi suoi St. John's Red Storm, attesi al Madison Square Garden di New York, una delle due tane delle loro gare casalinghe e teatro per il 35° anno consecutivo dell'atto finale di una delle conference più famose del college basketball USA. All'una di notte, orario italiano, la squadra allenata dall'Hall of Famer Chris Mullin, testa di serie numero 8 del torneo in virtù dell'ottava e terzultima piazza in regular season (7-11, 13-18) affronterà negli ottavi di finale ad eliminazione diretta Georgetown, arrivata penultima con il suo nono posto (5-13, 14-17). In stagione il conto è in parità tra le due squadre, con la netta vittoria di Georgetown per 83-55 nell'andata in casa dello scorso 9 gennaio (0 punti in 9' per Amar) e la vendetta della squadra newyorkese del 24 febbraio con l'86-80 proprio al Madison Square Garden (4 punti+2 stoppate in 20' per Amar). Chi vince se la vedrà nei quarti di finale contro la numero uno del seeding, Villanova, vincitrice della regular season della Big East e campione NCAA in carica. 

QUI le statistiche individuali dell'ala classe '95 (nella foto a fianco) nel suo terzo anno a St. John's.

 

E' invece già finita l'annata da sophomore di Kristinn Pálsson con Marist. Le Red Foxes della guardia tiratrice islandese classe '97 sono state eliminate subito agli ottavi di finale del Metro Atlantic Athletic Conference Championship, giocato da giovedì a ieri notte al Times Union Center di Albany, nello Stato di New York. Per Kristinn (nella foto sotto presa dalla pagina Facebook ufficiale di Marist, in azione nella sfida contro Canisius) ci sono stati 3 punti+3 rimbalzi in 19' nel ko per 73-77 contro Canisius della sua formazione, che partiva con la decima e ultima testa di serie contro la numero 7, nel torneo vinto stanotte per il secondo anno consecutivo da Iona, vincitrice in finale su Siena e qualificata dunque al torneo NCAA.

QUI le statistiche individuali di Kristinn nella sua seconda annata nel college di Poughkeepsie, nello Stato di New York.