Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Dalla rabbia al sorriso, la Stella Azzurra si regala una Pasqua serena in attesa dei playout: bel successo contro i Tigers Forlì per salutare l'Arena Felici nella regular season della Serie B maschile

Pubblicato il Domenica 16 Aprile 2017 - Serie B Stella Azzurra

 La vittoria della rabbia e dell'orgoglio: dopo una dura settimana di allenamenti seguita alla brutta sconfitta del turno precedente nella trasferta-derby contro la LUISS, la Stella Azzurra Roma saluta l'ultima partita casalinga della regular season della Serie B maschile facendo lo sgambetto ai Tigers Global Sistemi Forlì sesta forza del campionato, battuti all'Arena Altero Felici per 75-71 nella 29^ e penultima giornata del Girone C della terza serie nazionale.

 

I co-MVP Vincenzo Provenzani, top scorer dell'incontro e al suo nuovo record-carriera di punti in Serie B con 19+4 assist con 4/5 al tiro da tre per il play classe '99 (nella foto, in palleggio durante un'azione d'attacco stellina nella partita), e l'ala grande '98 Joseph Mobio, un fattore clamoroso a rimbalzo con le sue 7 carambole strappate in attacco per 11 complessive, cui ha aggiunto 4 punti di platino nel finale del quarto periodo, hanno trascinato la giovanissima squadra stellina a battere l'espertissima formazione di Giampaolo Di Lorenzo dei vari "mostri sacri" Rombaldoni e Carraretto, che vedono interrompersi sul parquet stellino una striscia di 3 vittorie, e 6 nelle ultime 7, di fronte ad un'avversaria che non aveva più nulla da chiedere alla classifica a differenza dei romagnoli, che devono ancora mettere in cassaforte un miglior piazzamento-playoff.

 

I padroni di casa sono stati più forti anche della precoce espulsione del loro coach Germano D'Arcangeli, mandato fuori dagli arbitri dopo appena 5'20" di gioco dopo un fallo tecnico per proteste a cui è seguito nel giro di pochi secondi l'espulsione, tutto frutto di un chiaro fallo a rimbalzo su Cassar invertito inspiegabilmente dal duo arbitrale a favore degli ospiti. Il vice Mario Cottignoli, assistito dall'altro coach Angelo Santini, non ha fatto tuttavia sbandare i giovani di casa, che hanno dato vita ad una partita di continui sorpassi e controsorpassi con nessuna delle due formazioni riuscita mai nella fuga giusta, con un massimo di +6 per la Stella nel secondo quarto sulla scia del 2/2 da tre del classe 2001 Djordje Pazin, del grande impatto dalla panchina pure del 2000 Giovanni Ianelli e del buon contributo di Mirko Gloria, un picco di 5 lunghezze invece nel primo quarto per i forlivesi. Al cardiopalma il finale di match: dopo che i già citati Provenzani (10 punti nel solo terzo periodo) e Mobio avevano costruito il +4 a meno di 2' dalla sirena finale (70-66) gli ospiti accorciavano sul -1 a 1' dal termine, lì saliva nuovamente in cattedra Mobio conquistando con caparbietà l'ennesimo rimbalzo d'attacco e segnando il 72-69 a -57", vantaggio che il 2/2 dalla lunetta di Rombaldoni sul fallo sistematico della difesa stellina riportava a +1 con appena 9" da giocare; sulla rimessa veniva sanzionato un antisportivo su Provenzani, che faceva 1/2 e sulla palla a metà campo dei nerostellati arrivava un altro fallo sistematico su Nikolic, che con 7" sul cronometro era freddissimo nel segnare il 2/2 che metteva più di un possesso di distanza tra le due formazioni. Era il 75-71, punteggio che i successivi due tiri da oltre l'arco di Forlì non riuscivano più a cambiare non trovando la retina nell'ultima disperata azione d'attacco.

 

Giungeva così il settimo successo stagionale della Stella Azzurra, che si gode anche la tripla doppia di Lazar Nikolic da 13 punti+15 rimbalzi+10 assist, come importante è stato l'apporto di Emanuele Trapani, che ha sfiorato la doppia cifra con 9 punti smazzando 5 assist. Per i romagnoli, che hanno avuto nell'argento olimpico Rodolfo Rombaldoni il più utilizzato con 34 minuti malgrado gli oltre 40 anni della carta d'identità (12+6 assist), che hanno avuto tanto nel primo tempo da Christian Villani, sparito nella ripresa anche per problemi di falli, e altrettanto nel secondo tempo dalla precisione al tiro da fuori del play Francesco Forti (3/3 nel terzo quarto, 3/4 totale per guidare i suoi in attacco con 14 punti insieme a Villani), è arrivata viceversa la tredicesima sconfitta ma non la perdita della sesta piazza solitaria, grazie alla contemporanea sconfitta della LUISS in casa della vicecapolista CitySeightSeeing Palestrina.

 

E nel sabato pre-pasquale che ha messo nell'Uovo di Pasqua della Stella Azzurra il suo scalpo più prestigioso della stagione a livello di posizione di classifica dell'avversaria battuta, c'è da sottolineare anche un sorpasso importante che la riguarda da vicino, nell'ottica della serie-playout che dovrà affrontare a fine regular season per ottenere la salvezza in Serie B. Il successo dello Sport è Cultura Patti in casa contro l'ex vicecapolista Air Fire Valmontone e il ko della Vis Nova Simply Roma in casa del Cuore Napoli Basket vincitore del girone hanno portato i siciliani ad agguantare i capitolini a quota 20 punti in graduatoria e di fatto a superarli ad 1 turno dal termine grazie allo scontro diretto a favore già in cassaforte, sorpasso che designerebbe come avversaria nerostellata dei playout la Vis Nova (coi pattesi a prendere invece una tra Balletti Park Hotel Viterbo e MecSan Maddaloni, con la perdente dello scontro diretto nell'ultimo turno tra queste due a retrocedere invece direttamente a fine regular season). Decisiva, tuttavia, sarà l'ultimissima giornata della fase regolare, in programma per tutte in contemporanea sabato prossimo alle ore 20.30, giornata nella quale sia Patti che Vis Nova sfideranno due avversarie che proprio con il turno odierno hanno detto addio a qualsiasi possibilità di centrare i playoff, giocando quindi le partite del prossimo weekend senza motivazioni di classifica: Patti giocherà in trasferta il derby siciliano con la Zannella Cefalù, mentre la Vis Nova ospiterà il Basket Scauri. L'unica possibilità che i romani hanno per chiudere davanti ai siciliani è dunque battere Scauri e sperare che Cefalù sconfigga Patti: solo in questo caso non si giocherà il derby romano nei playout, negli altri sarà la squadra del messinese la contendente della Stella Azzurra. In qualsiasi modo finisca la 30^ giornata, sia Patti che Vis Nova avranno comunque il vantaggio del fattore campo contro la Stella Azzurra. 

 

STELLA AZZURRA ROMA – TIGERS GLOBAL SISTEMI FORLI' 75-71 (21-22, 38-38, 62-58)

STELLA AZZURRA: Trapani 9, L. Nikolic 13, Provenzani 19, Cassar 5, Seye, Mobio 8, Gloria 3, Pucci 2, Pazin 8, Ianelli 8. Coach: D'Arcangeli; assistenti: Cottignoli, Santini.

FORLI': Rombaldoni 12, L. Fontecchio 8, Forti 14, Villani 14, Bartolucci 7, Carraretto 2, Ghirelli 2, J. Myers 8, Cicognani 2, Agatensi 2. Coach: Di Lorenzo.

ARBITRI: Barbiero di Milano e Guarino di Campobasso.

 

 

QUI le statistiche ufficiali complete della vittoria stellina.