Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

La Stella è ancora di bronzo. L'U18 Eccellenza maschile vince la Finale 3°/4° posto contro l'Umana Reyer Venezia alle Finali Nazionali di Udine e sale sul podio

Pubblicato il Sabato 17 Giugno 2017 - U18 Ecc. Stella Azzurra

 La Stella Azzurra è ancora di bronzo. L'U18 Eccellenza del club romano vince la Finale 3°/4° posto alle Finali Nazionali di Udine battendo l'Umana Reyer Venezia per 65-56 al PalaCarnera e salendo sul podio di una finale giovanile Eccellenza della Federazione Italiana Pallacanestro per la terza volta consecutiva su altrettante Finali disputate quest'anno. Dopo la sconfitta del giorno prima in semifinale contro la Unipol Banca Virtus Bologna, poi vincitrice dello Scudetto con l'eloquente 70-32 contro la Dolomiti Energia Aquila Basket Trento nella finalissima, ancora una volta gli stellini di Germano D'Arcangeli (nella foto a fianco di Giulio Ciamillo, la loro premiazione) trasformano in rabbia positiva la delusione per il mancato ingresso alla finale-scudetto, come successo già nelle ultime due Finali U20 Eccellenza a Cantù e Roseto degli Abruzzi. E così, dopo il bronzo U20 e lo Scudetto U15, la società nerostellata si aggiudica una medaglia tricolore per la terza volta in questa stagione 2016/17, in attesa delle prossime, ulteriori partecipazioni dell'U16 Eccellenza e dell'U14 Elite alle rispettive Finali di categoria.

 

Contro i veneziani del coach Giacomo De Marchi la differenza la Stella la fa con il 22-7 del terzo quarto, che porta il vantaggio nerostellato dal +3 dell'intervallo lungo (35-32, Palumbo e Nikolic 10 a testa, per Venezia sugli scudi il fromboliere Jerkovic con 13 e Miaschi 11) al corale +18 dell'ultima minipausa (57-39), divario che rende una formalità o quasi il periodo finale. Dove Cassar segna tutti gli 8 punti stellini del quarto ritoccando il nuovo massimo scarto sul +23 del 35° (65-42). Lì la Stella leva totalmente il piede dall'acceleratore, non riuscirà più a segnare sino alla sirena e permetterà ai lagunari, autori di uno 0-14 di break finale, di terminare la partita sotto la doppia cifra di svantaggio, senza però mai impensierire il terzo posto definitivo della Stella Azzurra nella competizione nazionale friulana.

 

Il classe 2000 Mattia Palumbo (nella foto sopra di Ciamillo, al tiro contro Venezia) è stato il top scorer stellino con 15 punti in appena 18 minuti sul campo (3/6 da tre), bella prova globale di Lazar Nikolic con 12 punti+11 rimbalzi+5 assist per 20 di valutazione (nella foto sotto di Ciamillo, una sua prepotente schiacciata bimane), spesso inarrestabile Jordan Bayehe sottocanestro nei 18' giocati, utilizzati per 11 punti+7 rimbalzi (4 offensivi), così come lo è stato l'altro centro Kurt Cassar nel quarto finale, servitogli per chiudere anche lui in doppia cifra di punti con 10. Oltre al bronzo la squadra di Via Flaminia porta a casa anche l'inserimento del 2.03 playmaker Lazar Nikolic nel “Miglior Quintetto” della manifestazione (nella foto a fondo pagina di Ciamillo, con gli altri premiati).

 

La Stella Azzurra termina così le sue Finali con il secondo posto nel girone eliminatorio frutto delle vittorie dei primi due giorni contro San Paolo Ostiense Roma (87-42) e Inndes Oxygen Bassano (61-60) e la sconfitta per il primato contro la Reale Mutua PMS Moncalieri (67-80), cui sono seguiti i due successi ai danni del Vivi Basket Napoli nello Spareggio pre-quarti (55-25) e della De Longhi Treviso Basket nel quarto di finale (53-44), la sconfitta in semifinale contro i futuri Campioni d'Italia della Virtus Bologna (61-71) e la vittoria nella finale di consolazione contro i veneziani.

 

STELLA AZZURRA ROMA – UMANA REYER VENEZIA 65-56 (16-15, 35-32, 57-39)

STELLA AZZURRA: Ianelli 2, Provenzani 7, Trapani 3, Gazzillo 2, L. Nikolic 12, Bayehe 11, Palumbo 15, D. Alibegovic, Seye 3, Rinaldi, Donadio ne. Coach: D'Arcangeli; assistenti: Santini, Cottignoli.

REYER: Miaschi 18, Bergamo, Jerkovic 16, Battiston, Freguja, Candotto 6, Sambucco 3, Ndoje, Petteno 3, Favaretto, Taddeo 7, Ugolini 3. Coach: De Marchi.

ARBITRI: Ferretti di Nereto (TE), Capozziello di Brindisi, Giovannetti di Rivoli (TO).

 

 

QUI le statistiche ufficiali complete della partita.

 

QUI la photogallery completa della sfida, fonte Giulio Ciamillo.