Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Stella Azzurra a 40 possibili minuti dalla salvezza in Serie B: mercoledì il ritorno casalingo del derby-playout contro la Simply Vis Nova Roma sotto 0-1. Provenzani: "Chiudiamo la pratica in casa, la pressione è su di loro"

Pubblicato il Martedì 9 Maggio 2017 - Serie B Stella Azzurra

 Ritorno del playout del campionato di Serie B maschile per la Stella Azzurra Roma. Mercoledì 10 maggio alle ore 18.30 la formazione di Germano D'Arcangeli ospita la Simply Vis Nova Roma all'Arena Altero Felici (ingresso gratuito) nel secondo atto del derby capitolino che vale la salvezza nella terza serie nazionale. Sarà l'ultima partita casalinga della stagione per i giovani stellini, la speranza dell'ambiente nerostellato è che sia anche l'ultima in assoluto. Il blitz in trasferta nel match d'andata all'Honey Sport City (73-87) consente ad Antonaci e compagni di giocarsi il match point sul parquet amico per salvarsi ed evitare di tornare sabato pomeriggio per la “bella” in casa della squadra di Luciano Bongiorno, che viceversa è costretta a sbancare il campo di Via Flaminia per evitare la retrocessione in Serie C dopo aver chiuso davanti alla Stella Azzurra nella classifica della regular season del Girone C.

 

PROVENZANI Ribaltato il vantaggio del fattore campo il quintetto stellino è atteso alla prova della maturità quattro giorni dopo la splendida prestazione offerta fuoricasa, da dove ha riportato l'1-0 stando avanti nel punteggio dall'inizio alla fine e con margini sempre rassicuranti da fine primo quarto in poi. La comitiva nerostellata sa di vivere una vigilia particolare, le parole di Vincenzo Provenzani lo confermano: “Sicuramente siamo in ansia, detto tra virgolette, perché vogliamo vincere e chiudere la serie qui da noi, evitando di tornare sabato da loro”, esordisce il playmaker stellino classe '99 (nella foto di Angelo Antonelli, in penetrazione contrastato da Staffieri nel match dell'andata). “Stiamo cercando comunque di viverla come tutte le vigilie delle altre partite importanti che abbiamo già vissuto, dando il massimo in allenamento per prepararci al meglio a questa che è la gara più importante dell'anno. Alla fine, è ciò per cui ci siamo allenati da inizio stagione”.

 

BIS CERCASI L'obiettivo è chiaramente ripetere la prova del debutto-playout, mostrare che non è stato un caso il dominio cui è stata sottoposta la Vis Nova: “Un caso non lo è sicuramente stato, già dalle Finali Nazionali U20 Eccellenza si è visto che giochiamo in modo diversa, si potrebbe dire in maniera migliore. E poi il fatto che ci sia Todor (Radonjic, ndc) ci ha aiutato e ci aiuta parecchio. Noi giocheremo allo stesso modo ma sono sicuro che l'andamento della partita non andrà nello stesso modo, loro non possono permettersi questa retrocessione, sia come singoli giocatori che come club, e giocheranno come negli ultimi minuti della partita di sabato, mettendoci le mani addosso. Pertanto non credo che avremo vita facile come l'abbiamo avuta nel primo tempo dell'andata, di fronte troveremo una squadra aggressiva e ancor più motivata”.

 

ARENA BOLLENTE A sostenere la voglia di salvezza del più giovane roster d'Italia partecipante ad un campionato senior dalla Serie A alla Serie B ci sarà anche l'atmosfera calda dell'Arena Felici: “Il fatto che giochiamo in casa ci fa sentire a nostro agio, il fatto di avere una tifoseria così attaccata a noi, coi ragazzi della nostra foresteria che ci supportano, ci dà una spinta in più. Credo che la tensione ci sarà da entrambe le parti, loro sanno che si devono giocare il tutto per tutto ma anche noi vogliamo chiuderla qui perché poi sabato diventerebbe una lotteria dove tutto piò accadere. Però penso che la pressione sia più dalla loro parte, essendo una squadra più “senior” rispetto a noi una retrocessione rappresenterebbe uno smacco maggiore”.

 

IN FORMA Proprio l'esterno siciliano originario di Licata è uno dei giocatori più in forma dell'organico stellino. Partito titolare anche in gara-1 l'ha chiusa con una prestazione solida e concreta sui due lati del campo con 11 punti in 26', tirando 2/4 da due, 1/3 da tre e 4/4 ai liberi (nella foto a fianco di Giulio Tiberi, proprio un suo tiro dalla lunetta nella sfida dell'Honey Sport City), più la solita carica di agonismo che sprigiona in difesa ad ogni partita. Ad esclusione della giornata no contro la LUISS Roma che riguardò tutta la squadra, Vincenzo è sempre andato in doppia cifra nelle restanti ultime tre partite, con una media di 14.7 punti col 58% dal campo, tra cui un eccellente 7/10 da tre: “Se è il miglior Provenzani della stagione? Più che altro sono riuscito a trovare il mio spazio all'interno della formazione. Ho giocato bene anche perché in squadra ci sono stati Todor e Lazar (Nikolic, ndc) che sono due giocatori che fanno girare bene il pallone e sanno giocare così bene a pallacanestro che questo aiuta anche i compagni. Io ho sempre cercato di dare il mio contributo partendo dalla difesa che è il mio pezzo forte e poi provo a darlo anche offensivamente”.