Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

La Stella Azzurra si arrende alla Virtus Bologna nella semifinale-scudetto delle Finali Nazionali U18 Eccellenza di Udine: domani sarà lotta per il bronzo contro l'Umana Reyer Venezia

Pubblicato il Venerdì 16 Giugno 2017 - U18 Ecc. Stella Azzurra

 Sarà Finale 3°/4° posto per la Stella Azzurra alle Finali Nazionali U18 Eccellenza di Udine della Federazione Italiana Pallacanestro. Si interrompe in semifinale il sogno-scudetto della squadra stellina di Germano D'Arcangeli, battuta dalla Unipol Banca Virtus Bologna per 61-71 al PalaCarnera (nella foto, la gioia degli emiliani a fine gara). Domani alle ore 16.30 la sfida per salire sul podio a ritirare la medaglia di bronzo sarà contro l'Umana Reyer Venezia, che nell'altra semifinale ha abdicato dal titolo tricolore vinto lo scorso anno perdendo per 50-65 contro la Dolomiti Energia Aquila Basket Trento, che continua così il suo torneo nazionale da record.

 

Nel match contro la Virtus, dopo un primo quarto equilibrato ancorché caratterizzato da due pesanti parziali, l'11-0 dei bolognesi per il 6-14 del 7° e il 10-0 di controbreak a cavallo del secondo per l'ultimo vantaggio nerostellato della partita sul 16-14 dell'11°, Bologna inizia a fare la differenza con quella che sarà la costante assoluta della gara, il mortifero utilizzo del tiro da tre da parte dei felsinei. Per loro 13/33 il dato conclusivo da oltre l'arco contro il 3/20 stellino (da Denis Alibegovic gli unici sprazzi incoraggianti col suo 2/2): è stata soprattutto qui la differenza tra le due contendenti. Già 9 le triple emiliane a segno nel 27-36 di fine primo tempo che ha dato l'indirizzo alla sfida, con la formazione di Federico Vecchi a sfoderare subito le eccellenti qualità da oltre l'arco della guardia estone Jurkatamm (3/4 da tre a metà gara per 9 punti totali), mentre la Stella Azzurra per non affondare si aggrappava alla verticalità sottocanestro del suo centro Bayehe (9 punti+4 rimbalzi all'intervallo lungo). Al rientro dagli spogliatoi l'ingresso in campo di Trapani dà maggiore vivacità al gioco stellino e anche maggiore efficacia offensiva, soprattutto quando due sue rubate consecutive a metà campo, con relativi contropiedi vincenti, esaltano la squadra nerostellata per il 36-43 del 26°, dopo che il solito Jurkatamm aveva dato in apertura il nuovo massimo vantaggio per la Virtus col +14 del 27-41, sempre con una bomba. Trapani e Palumbo riescono a riportare la Stella anche sul -5 all'inizio del periodo finale (46-51), ma come successo per tutto il lungo lasso di tempo precedente Bologna non fa mai avvicinare più pericolosamente gli avversari, anzi proprio su questo -5 arriva un immediato 7-0 di break con la quinta tripla di Jurkatamm e 4 punti in fila di Petrovic che riportano il margine bolognese in doppia cifra, 46-58 a 8'30” da fine match. Da lì in avanti continueranno ad essere vani tutti i tentativi di rimonta stellina e sono due prodezze di Rubbini dalla distanza più pesante - tanto per cambiare - a firmare i canestri della staffa per le V Nere, prima il 55-65 del 36° e poi il 57-70 a 80" dalla fine per la resa definitiva dei ragazzi di D'Arcangeli.

 

Nel roster stellino la guardia-play Emanuele Trapani è stato il migliore, non soltanto per il massimo di punti della squadra con 14, in doppia cifra anche il classe 2000 Mattia Palumbo con 11, stessa quota di Jordan Bayehe che ha chiuso in doppia doppia con 10 rimbalzi, a cui ha aggiunto 4 recuperi. Per Bologna tutto il quintetto base è andato in doppia cifra di realizzazioni, guidati dai 15 del fromboliere Mikk Jurkatamm (5/6 da tre), spesso smarcato dalle invenzioni del direttore d'orchestra Alessandro Pajola, uscito prepotentemente alla distanza dopo un inizio pigro chiudendo con 11 punti+7 rimbalzi+7 assist+6 recuperi, mentre il "killer" Michele Rubbini ne ha aggiunti 13 come Danilo Petrovic, che ne ha segnati 11 nel quarto periodo.

 

Sfumato il sogno-tricolore per gli stellini resta comunque ancora una medaglia di bronzo da conquistare, come accaduto con successo a fine aprile nelle Finali Nazionali U20 Eccellenza con lo stesso gruppo di giocatori o quasi, riusciti a salire sul podio al pari di quanto successo anche l'anno prima nelle Finali della stessa categoria. Contro l'ormai ex campione in carica Venezia si cercherà dunque di replicare le reazioni avute nelle manifestazioni tricolori di Cantù e Roseto degli Abruzzi.

 

STELLA AZZURRA ROMA - UNIPOL BANCA VIRTUS BOLOGNA 61-71 (13-14, 27-36, 44-51)

STELLA AZZURRA: Ianelli 2, Provenzani 8, Trapani 14, Gazzillo, L. Nikolic 7, Donadio, Bayehe 11, Palumbo 11, Eboua 1, D. Alibegovic 7, Seye ne, Rinaldi ne. Coach: D'Arcangeli; assistenti: Traino, Cottignoli.

VIRTUS BOLOGNA: Pajola 11, Deri, Gianninoni 5, Petrovic 13, Nanni, Rubbini 13, T. Rossi 11, Jurkatamm 15, Oyeh, Chessari 3, Salsini ne, Bertuzzi ne. Coach: Vecchi.

ARBITRI: Brindisi di Torino, Mottola di Taranto e Bartolini di Fano (PU).

 

 

QUI le statistiche ufficiali complete della partita.