Turno infrasettimanale casalingo per la Stella Azzurra Roma nel campionato di Serie B. Per la sesta giornata di ritorno del Girone D la squadra di Germano D'Arcangeli affronterà l'ultimo derby romano della sua regular season, ospitando la LUISS Roma all'Arena Altero Felici mercoledì 7 febbraio alle ore 19, poco più di ventiquattro ore dopo il ritorno di metà del roster nerostellato dal primo torneo di sempre giocato negli Stati Uniti da una formazione della Stellazzurra Basketball Academy, impegnata per tutta la scorsa settimana al National Prep School Invitational di Providence, nel Rhode Island. Per Jordan Bayehe e compagni si tratterà della quarta partita casalinga consecutiva in campionato, con le precedenti tre tutte coronate da successo contro Patti, Battipaglia e Tiber Roma, vittorie che li hanno rilanciati a cavallo della zona-playoff, al settimo posto della classifica in coabitazione con altre quattro formazioni ma anche con due gare in meno rispetto a tutte queste più immediate concorrenti. Due partite in meno anche rispetto alla LUISS di Andrea Paccariè, che appartiene - sebbene un po' distaccata - al treno delle prime sei di testa grazie alla sua sesta piazza a quota 26 punti, 8 in più sugli stellini, e reduce dalla sconfitta per 65-57 in casa della capolista solitaria Basket Barcellona.

 

OTIS REALE Con sei giocatori sbarcati dagli States nel pomeriggio della vigilia, la preparazione al match contro gli universitari è stata particolare. Otis Reale la fa ricadere nella normalità degli eventi legati alla squadra: “Alla fine non penso inciderà molto aver avuto solo un paio di allenamenti per preparare la sfida, è una situazione che sta accadendo ormai da due mesi a questa parte con tutti i tornei che giochiamo all'estero e siamo quindi abituati a giocare senza tanta preparazione”, dice il playmaker stellino classe 1998 (nella foto di Gennaro Masi). “In squadra siamo tutti con la mentalità di dover vincere contro la LUISS e continuare a far bene in casa come abbiamo fatto nelle ultime tre partite”.

 

VENDETTA Il ricordo del -1 dell'andata (60-59), maturato sbagliando il tiro della vittoria allo scadere di fronte ad un'avversaria che all'epoca occupava il primo posto solitario della classifica da imbattuta, è un'ulteriore motivazione per portare in positivo il record tra vittorie e sconfitte, attualmente sul 9-9: “Per come la ricordo io, in quella partita ci sono state molte cose buone da parte nostra, ma anche tante da correggere. Penso che da allora abbiamo fatto molta strada e sicuramente, con una mentalità più determinata, è una gara che possiamo vincere”. Vincere per inserirsi sempre più dentro i playoff e anche mettere sempre più distanza tra sé e i playout, che sono più in basso di 4 lunghezze: “Tra playoff e playout io ritengo che sia più fattibile raggiungere i primi, nei miei compagni vedo molta determinazione e ciò mi rassicura molto. Quindi, io personalmente ambisco ai playoff ma credo che tutta la squadra sia d'accordo con me sul fatto che abbiamo una reale possibilità di conquistare un qualcosa che la Stella Azzurra non centra da un po' di tempo”.

 

USA...RE IL VIAGGIO OLTREOCEANO Coi recenti due anni, e parecchie estati precedenti, vissuti vicino Los Angeles frequentando la Servite High School di Anaheim e giocando la Trinity League contro prep school di rilevanza anche nazionale come la Mater Dei di Santa Ana, Otis è tra le persone più indicate per capire cosa si porteranno dietro, come bagaglio tecnico, i cestisti stellini dall'esperienza americana: “Per prima cosa negli Stati Uniti puntano molto sull'agonismo e sulle azioni personali dei giocatori, a livello difensivo lavorano molto sulla comunicazione. Quindi è qualcosa che la squadra si porterà dietro e che coach D'Arcangeli, magari, vorrà che assimiliamo per il nostro gioco”.

 

MEDIA La gara con la LUISS Roma potrà essere seguita anche attraverso gli aggiornamenti frequenti sul nostro account Twitter @StellaAzzurraRo

 

 

 

Settimana dell'Arena Altero Felici coi riflettori puntati su Serie B maschile, Serie B femminile e U18 Eccellenza
Alma Mater, i '97 #madeinStella Stefan Nikolic e Tommaso Guariglia mettono la firma sulle vittorie di Napoli e Agrigento in Serie A2