Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Tra gli "habitué" Giampaolo Ricci e Alessandro Grande, nell'Alma Mater settimanale si inserisce il 17enne Mattia Palumbo

Pubblicato il Martedì 31 Ottobre 2017 - Alma Mater

  E' un terzetto di giocatori suddiviso equamente tra i primi tre campionati nazionali a meritarsi la citazione nell'Alma Mater relativa allo scorso weekend di gare.

 

 

Seconda apparizione stagionale nella nostra rubrica per Giampaolo Ricci (foto presa dalla pagina Facebook del suo club), che ha dato un'altra bella mano alla Vanoli Cremona per andare a conquistare la prima vittoria esterna dei lombardi in Serie A. Sul campo della Victoria Libertas Pesaro il 79-68 è arrivato anche grazie alla prestazione molto concreta dell'ala grande classe '91, autrice di 12 punti con 3/4 al tiro da tre nei soli 16 minuti in cui è rimasto sul parquet a causa dei problemi di falli. Il prodotto del vivaio nerostellato (alla seconda prova in doppia cifra di punti nel massimo torneo) si conferma il secondo miglior tiratore da oltre l'arco della squadra con il 40.0% nelle 5 gare giocate (8/20 il dato assoluto, dietro solo al 48.3% dell'americano Darius Johnson-Odom).

 

 

Anche Mattia Palumbo si rivela importante nel primo blitz vincente della Remer Treviglio in Serie A2. L'aria di casa del Lazio porta bene al playmaker del 2000 (foto Federica Scio per Basketuniverso), che nello scorso diretto del PalaSojourner contro la NPC Rieti fa registrare il suo nuovo record di punti (6), rimbalzi (4), valutazione (9) e minuti (14) nel secondo torneo nazionale per l'83-76 finale. Un successo che vale doppio perché schioda il quintetto della provincia bergamasca da quota 0 in classifica e gli fa agganciare proprio i reatini e l'Eurobasket Leonis Roma al quartultimo posto del Girone Ovest.

 

 

Si conferma su altissimi livelli invece l'avvio stagione in Serie B di Alessandro Grande, anche lui alla seconda "nomination" in rubrica. Il playmaker classe '94 dell'All Foods Fiorentina Basket (foto Fabio Bernardini) domina insieme ai compagni il derby toscano sul parquet amico ai danni della Computer Gross USE Empoli. Ventisette minuti gli sono stati sufficienti per mettere a segno 22 punti con 5/11 da due, 2/4 nelle triple e 6/7 ai liberi, oltre a 5 falli subiti. Nel secondo posto in graduatoria dei fiorentini nel Girone A è evidente la firma dell'ex stellino, capocannoniere della squadra con 19.0 punti di media e terzo bomber dell'intero girone, frutto in particolare dell'irreale 9/13 da oltre l'arco nelle sue prime tre partite.