Yancarlos Rodriguez si prende d'autorità l'Alma Mater settimanale con una prova che si candida a prestazione dell'anno per quanto riguarda i giocatori usciti dal vivaio Stella Azzurra. In maglia Roseto il playmaker classe '94 abbatte Verona con numeri da annali. Impressionanti le cifre messe su da “Jef”, tanto che nella conferenza stampa dopogara l'italo-dominicano è stato immortalato in foto con il foglio delle statistiche in bella evidenza nella sua mano (foto Daniele Capone). Prima di domenica scorsa il suo record carriera in punti in Serie A2 - che coincide con quello stagionale essendo all'esordio assoluto nel secondo torneo nazionale - era di 22 punti e l'ha migliorato esattamente del 50%, dicendo 33 con percentuali da urlo al tiro da tre, 5/10, e ai liberi, dove è stato infallibile nei 12 tiri tentati (26/27 il parziale dalla linea della carità nelle ultime 4 partite). A completare il tabellino da record gli 8 assist (high stagionale eguagliato) per raggiungere il 42 di valutazione, 16 in più rispetto al suo massimo in stagione. Il tutto contro la quarta in classifica del Girone Est e vincendo lo scontro diretto nel reparto esterni contro l'ex campione NBA Sasha Vujacic e uno dei migliori stranieri dell'A2, Jazzmarr Ferguson, per un successo che ha pure regalato la certezza matematica della qualificazione ai playoff con 2 turni di anticipo rispetto al termine della regular season, grazie all'attuale settimo posto solitario che tiene definitivamente a distanza il decimo che esclude dalla post season. Un traguardo di squadra da sottolineare per il roster più giovane dell'intera Serie A2 guidato da Germano D'Arcangeli, che nella gara con Verona è partito con un quintetto base in cui hanno trovato posto come al solito il 2000 Paul Eboua (12 punti+7 rimbalzi in 22') e, novità, il 2002 Abramo Pené (al record stagionale di minuti con 14), anche loro prodotti e tuttora giocatori delle squadre giovanili di Via Flaminia. Dopo 28 partite di campionato Rodriguez sale a 9.8 punti e 3.0 assist per 10.5 di valutazione in 26.3' di media e assedia il podio della classifica individuale del girone nella percentuale ai tiri liberi con l'87.9%, che gli vale il 4° posto ad appena lo 0.1% di distanza dal terzo.

 

In Serie A sta vivendo un periodo di splendore a livello di risultati della squadra Andrea La Torre. Il 22enne (foto pagina Facebook Pallacanestro Cantù) ha fissato il nuovo high stagionale di minuti con i 25 nella vittoria casalinga della sua Cantù per 82-76 nello spareggio della zona al limite dei playoff contro Brescia, semifinalista-scudetto nello scorso campionato. Nell'ottava vittoria in dieci gare dei brianzoli - match trasmesso anche in diretta nazionale su RaiSport - Andrea è partito per la sesta volta in quintetto base e chiuso con 4 punti e 5 rimbalzi tenendo in vita le speranze-playoff dei suoi, noni in classifica a sole 2 lunghezze di distanza dalla fatidica ottava piazza a 5 turni dalla fine.

 

Weekend particolare anche per Franko Bushati (foto pagina Facebook EBK Roma), sia sul campo che soprattutto fuori dal campo. Sul parquet ha collezionato la sua migliore prestazione dell'anno con una doppia doppia ad effetto da 28 punti+10 assist per 38 di valutazione con 6/11 da tre, tutti numeri che sono il top per lui in stagione ma che comunque non sono evitati a bastare la sconfitta interna all'Eurobasket Roma per mano di Casale Monferrato per 107-109. Ma la gioia più grande per il 33enne italo-albanese era arrivata il giorno prima fuori dal rettangolo di gioco, la nascita del primogenito Mark. Tanti auguri e congratulazioni per il piccolo dalla Stella Azzurra a mamma Francesca e papà Franko!

 

 

 

Di seguito il video di alcuni dei canestri di Rodriguez contro Verona (montaggio su immagini prese dalla pagina Facebook dei Roseto Sharks):

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

U18 Eccellenza, debutto con brivido nella seconda fase: Eboua decide all'overtime la sfida contro Reggio Emilia
U18 maschile & femminile: una Pasqua di passione felice