Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

La Stellazzurra Basketball Academy apre all'innovativo metodo medico-sportivo del "Finger Brain": dalle impronte digitali le potenzialità dei cestisti nerostellati

Pubblicato il Venerdì 20 Ottobre 2017 - Stella Azzurra Basketball Academy

  La Stellazzurra Basketball Academy varca un'ennesima frontieranel campo medico legato allo sport. Attraverso la collaborazione con il fisioterapista ufficiale del club, Francesco Omarini, i giocatori dell'Academy possono usufruire della metodologia del Finger Brain. E' un metodo di valutazione e analisi epigenetica che si basa sulla dermatoglifia applicata, l'osservazione delle impronte digitali come segni genetici ed embrionali. Alla base c'è la conoscenza scientifica che le impronte digitali si formano durante la vita intrauterina dal terzo al sesto mese di gravidanza, seguendo lo sviluppo e la maturazione del sistema nervoso centrale e restano invariate per tutta la vita. Questo ha un effetto diretto sui geni che regolano la motricità umana, cioè coordinazione, velocità, resistenza e forza, per cui il potenziale dell'essere umano di sviluppare questa motricità è insito nel codice genetico. Pertanto, attraverso il Finger Brain è possibile stabilire coordinazione, velocità, resistenza e forza di ogni individuo, ricevendo velocemente (il test dura una quindicina di minuti) una valutazione scientifica e veritiera del potenziale genetico di ogni individuo.

 

Il Finger Brain è nato negli anni '60 in California, negli anni '70 è stato ripreso e sviluppato dai russi, nei due decenni successivi è stato un po' abbandonato dalle ricerche scientifiche per poi essere ripreso intorno agli anni 2000 grazie a nuove pubblicazioni scientifiche. Di recente due articoli sul Finger Brain applicato al calcio sono stati presentati negli ultimi due congressi annuali dell'Isokinetic organizzati a Londra e Barcellona dalla FIFA, la federazione internazionale del calcio.

 

Francesco Omarini è socio della SID, Società Italiana di Dermatoglifia, proprietaria in Europa del brand Finger Brain che possiede un database di 12mila atleti, di cui 4mila medagliati olimpici, nomi famosi dello sport internazionale. E ora nel database sono entrati anche 30 giocatori della Stellazzurra Basketball Academy, che nei giorni scorsi sono stati sottoposti gratuitamente al test delle impronte digitali: Questo esame l'ho già fatto personalmente in passato ai calciatori della Lazio e a molti altri atleti di fama internazionale, l'ex milanista Ricardo Kakà e l'ex tennista Guga Kuerten sono i primi nomi che mi vengono in mente ma potrei dirne a decine”, racconta Omarini. “Con i cestisti dell'Academy abbiamo fatto uno screening delle loro impronte digitali e quindi analizzato dal punto di vista dermatoglifico le loro potenzialità. Queste sono tutte informazioni che possono essere utili al preparatore atletico per studiare programmi specifici diversi di allenamento per ogni atleta. Peraltro è un esame che ovviamente si fa soltanto una volta nella vita perché le nostre impronte digitali non cambiano, così come il DNA”.

 

Per tutti gli altri cestisti della Stella Azzurra che volessero sottoporsi al test del Finger Brain potranno farlo al “prezzo politico” di 40 euro. Per altre informazioni sul metodo si può visitare il sito ufficiale www.fingerbrain.eu o andare sulla pagina Facebook ufficiale Finger Brain.